Luigi Tenco 60's - La verde isola

II  punto  di  ritrovo  D.O.C.  per   tutti  coloro  che  amano  Luigi  Tenco

TORNA AL SOMMARIO DEI PERIODI MUSICALI

VAI AL PERIODO RICORDI 1959-1963

VAI AL PERIODO SAAR 1964-1965

VAI AD INEDITE E POSTUME

Per visualizzare i testi delle canzoni del Periodo Rca scorri giu' con il mouse fino in fondo alla pagina, per visualizzare gli altri testi di Tenco, CLICCA su uno dei 3 periodi musicali evidenziati IN ARANCIONE tra Periodo Ricordi, Periodo Saar, inedite e postume.

IL PERIODO RCA
1966-1967
***************************************

Ma dove vai

Ma dove vai,

ma dove vai?

Mi dici dove stai correndo?

Vuoi arrivare in cima al mondo?

Cosa credi di trovare mai?

 

Dai retta a me....

dai retta a me...

Non ti accorgi che nel mondo

la gente gira gira in tondo

cercando cose che non trova mai?

 

Ma dove vai,

ma dove vai?

Non buttare via i tuoi giorni

pensando che verra' il momento

in cui diventerai quel che non sei.

 

Dai retta a me,

dai retta a me...

Guardati un pochino intorno:

vedrai che il mondo di ogni giorno

puo' darti piu' di tutti i sogni tuoi.

 

Ma dove vai,

ma dove vai?

 

Lontano lontano

 

E lontano lontano nel tempo

qualche cosa negli occhi di un altro

ti farà ripensare ai miei occhi

a quegli occhi che t'amavano tanto.

 

E lontano lontano nel mondo

in un sorriso sulle labbra di un altro

troverai quella mia timidezza

pre cui tu mi prendevi un pò in giro.

 

E lontano lontano nel tempo

l'espressione di un volto per caso

ti farà ricordare il mio volto,

l'aria triste che tu amavi tanto.

 

E lontano lontano nel mondo

una sera sarai con un altro

e ad un tratto, chissà come e perchè,

ti troverai a parlargli di me...

 

...di un amore ormaI troppo lontano...

-----------------------------------------------------------------

Varianti: Nel testo originale dattiloscritto, la seconda e la terza strofa sono scambiate. Dopo la quarta strofa il testo prosegue con altre quattro strofe:

E LONTANO LONTANO NEL TEMPO

RIPENSANDO A NOI DUE E ALL'AMORE

TROVERAI CHE IN FONDO E' STATO BELLO

ANCHE QUANDO HAI DOVUTO SOFFRIRE.

 

E LONTANO LONTANO NEL MONDO

OGNI VOLTA CHE RICORDERAI ME

NO, NON CREDERE CHE IO NON TI PENSI

IO CHE HO TANTA NOSTALGIA DI TE.

 

E LONTANO LONTANO NEL TEMPO,

RIPENSANDO A UN AMORE LONTANO

TI CHIEDERAI PERCHE' MAI E' FINITO

COME ANCH'IO MI CHIEDO PERCHE'.

 

E LONTANO LONTANO NEL MONDO

OGNI VOLTA TI TORNERA' IN MENTE

IL RICORDO DI UN TEMPO LONTANO

CHE OGNI VOLTA SARA' PIU' LONTANO

 

In un provino domestico le strofe si riducono da otto a sei. Fermo restando anche qui la prima, le altre proseguono cosi:

 

E LONTANO LONTANO NEL MONDO

QUALCHE COSA SUL VOLTO CHE PASSA

TI FARA' RIPENSARE AL MIO VOLTO

L'ARIA TRISTE CHE TU AMAVI TANTO.

 

E LONTANO LONTANO NEL TEMPO

NELLA VOCE DI UN ALTRO CHE RIDE

TROVERAI QUEL MIO RISO INFANTILE

CHE TU SEMPRE PRENDEVI UN PO' IN GIRO

 

E LONTANO LONTANO NEL MONDO

UNA SERA TI SENTIRAI SOLA

PENSERAI A DUE OCCHI LONTANI

AD UN VOLTO SVANITO NEL TEMPO

 

E LONTANO LONTANO NEL TEMPO

RICORDANDOTI DEL NOSTRO AMORE

PENSERAI CHE IN FONDO E' STATO BELLO

ANCHE QUANDO HAI DOVUTO SOFFRIRE 

 

E LONTANO LONTANO NEL MONDO

FORSE ANCH'IO NELLO STESSO MOMENTO

CHISSA' IN QUALE ALTRA PARTE DEL MONDO

CERCHERO' LA TUA VOCE NEL VENTO

 

Trattandosi di una canzone molto popolare e amata, segnaliamo anche questa variante minima: le versioni successive alle prime due pubblicate in 45 e 33 giri, al quarto verso della prima strofa ripetono "ai miei occhi" anzichè "a quegli occhi".

 

Versione straniera: Questa la versione spagnola firmata Luano, che fu incisa dallo stesso Tenco:

 

MUY LEJANA LEJANA EN EL TIEMPO

CUALQUIER COSA EN LOS OJOS DE OTRO

LOGRARA' QUE RECUERDES MIS OJOS,

ESOS OJOS QUE JAMAS TE OLVIDARON

 

Y LEJANA LEJANA EN EL MUNDO

EN LA SONRISA DE LOS LABIOS DE OTRO

PENSARAS VER MI TIMIDA SONRISA

DE LA QUE TE BURLABAS UN POCO

 

Y LEJANA LEJANA EN EL TIEMPO

LA EXPRESION DE UNA CARA CUALQUIERA

LOGRARA' QUE RECUERDES MI CARA

SU AIRE TRISTE QUE TU AMABAS TANTO.

 

Y LEJANO LEJANO EN EL MUNDO

UNA TARDE SALDRAS CON ALGUNO

LE HABLARAS Y DE PRONTO SIN PENSARLO

DESCUBRIRAS QUE TU ESTAS EVOCANDO

UN AMOR DEMASIADO LEJANO

 

Se sapessi come fai

 

Se sapessi come fai

a fregartene cosi di me,

se potessi farlo anch'io

ogni volta che tu giochi

col nostro addio.

 

Se sapessi come fai

a esser sempre cosi certa

che io dico, dico ma alla fine

vengo sempre poi a pregarti

"non andare via".

 

Vorrei che per un giorno solo

le parti si potessero invertire:

quel giorno ti farei soffrire

come ora soffro io

 

Se sapessi come fai

a fregartene cosi di me,

a sapere cosi bene

sino a che punto ho bisogno di te,

a saperlo cosi bene

ancor meglio di me.

-----------------------------------------------------------

Varianti: Nella versione registrata per la Rai e pubblicata in un 45 giri promozionale, la parola "fregartene" è sostituita da "infischiartene". In un foglio dattiloscritto, "col nostro addio" è sostituito da "con il mio amore".

 

Guarda se io

Guarda se io dovevo

innamorarmi proprio di te,

di te cosi lontana

dal mio mondo di tutti i giorni,

di te cosi diversa

da me, della mia vita,

guarda se io dovevo

innamorarmi di te...

 

Guarda se io dovevo

amarti tanto come ti amo,

io che passo le ore

per convincerti a cambiare

e non ti cambierei

con nessun'altra al mondo,

guarda se io dovevo

innamorarmi di te...

 

A volte io vorrei

che tu non fossi cosi,

come sei,

ma in fondo

non so neppure io

cosa vorrei.

 

Guarda se io che ero

cosi sicuro della mia vita

dovevo incontrar te

ed ecco, da un momento all'altro

nel mio mondo di ieri

non capirci più niente,

nel mondo di domani

vedere solo te...

 

A volte io vorrei

che tu non fossi cosi

come sei,

ma in fondo

non so neppure io

cosa vorrei....

 


Ciao amore ciao

La solita strada, bianca come il sale
il grano da crescere, i campi da arare.
Guardare ogni giorno
se piove o c'e' il sole,
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta e andare via.

Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.


Andare via lontano
a cercare un altro mondo
dire addio al cortile,
andarsene sognando.


E poi mille strade grigie come il fumo
in un mondo di luci sentirsi nessuno.
Saltare cent'anni in un giorno solo,
dai carri dei campi
agli aerei nel cielo.
E non capirci niente e aver voglia di tornare da te.

Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

Non saper fare niente in un mondo che sa tutto
e non avere un soldo nemmeno per tornare.

Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

Ognuno e' libero

Cosa c’è di strano 
Da guardare tanto
Forse perché noi non siamo
vestiti bene
Pettinati come voi

E se non vi piace
Così come siamo
Non vi resta che voltarvi
Dall’altra parte
E non far caso a noi
Tanto più che noi 
Non cerchiamo nessuno
Non ci siamo mai sognati
Di convincere gli altri
A vivere come noi
Quel che fa la gente 
Ci interessa poco
Anche se uno andasse in giro
Col cilindro in testa
A noi sta bene così

Ognuno è libero
Di fare quello che gli va
Ognuno è libero
Di fare quello che gli va

Invece tra noi
Ce n’è più di uno
Che è pettinato bene
Vestito bene
Però perbene non è
E questo qualcuno 
Si è messo in testa
Che la gente con le buone
o con le cattive
deve fare quel che vuole lui

Ognuno è libero
Di fare quello gli va
Ognuno è libero
Di fare quello che gli va

 

Uno di questi giorni ti sposero'

 
 Un giorno di questi

ti sposerò, stai tranquilla,

così la smetterai

di darmi il tuo amore

col contagocce.

 

Un giorno di questi

ti sposerò, stai tranquilla,

così la smetterai

di rinfacciarmi quello

che dice il mondo.

 

Un giorno di questi

ti giurerò d'amarti

sino all'ultimo giorno;

ma tu sai già benissimo

che non si può sapere

cosa sarà domani....

 

Un giorno di questi

ti sposerò, stai tranquilla,

così tu avrai diritto

di avere quelle cose

che adesso io ti do

soltanto perché t'amo:

anche l'amore.

 

Io sono uno


Io sono uno

che parla troppo poco,

questo è vero,

ma nel mondo c'è già tanta gente

che parla, parla, parla sempre,

che pretende di farsi sentire,

e non ha niente da dire.

 

Io sono uno

che sorride di rado,

questo è vero,

ma in giro ce ne sono già tanti

che ridono e sorridono sempre,

però poi non ti dicono mai

cosa pensano dentro.

 

Io sono uno

che non dice chi è la sua donna,

questo è vero,

perché non ammiro la gente

che prima implora un po' d'amore

e poi, non appena l' ha avuto,

 lo va a raccontare.

 

Io sono uno

che non nasconde le sue idee,

questo è vero,

perché non mi piacciono quelli

che vogliono andar d'accordo con tutti

e che cambiano ogni volta bandiera

per tirare a campare.

che non dice chi è la sua donna,

questo è vero,

perché non ammiro la gente

che prima implora un po' d'amore

e poi, non appena l' ha avuto,

 lo va a raccontare.

 

Io sono uno

che non nasconde le sue idee,

questo è vero,

perché non mi piacciono quelli

che vogliono andar d'accordo con tutti

e che cambiano ogni volta bandiera

per tirare a campare.

 

Un giorno dopo l'altro


Un giorno dopo l'altro

il tempo se ne va:

le strade sempre uguali,

le stesse case.

 

Un giorno dopo l'altro

e tutto è come prima;

un passo dopo l'altro

la stessa vita.

 

E gli occhi intorno cercano

quell'avvenire che avevano sognato,

ma i sogni sono ancora sogni

e l'avvenire è ormai passato.

 

Un giorno dopo l'altro

la vita se ne va:

domani sarà un giorno

uguale a ieri.

 

La nave ha lasciato il porto

e dalla riva sembra un punto lontano;

qualcuno anche questa sera

torna deluso a casa piano piano.

 

Un giorno dopo l'altro

la vita se ne va,

e la speranza ormai,

è un'abitudine.

 

TORNA AL SOMMARIO DEI PERIODI MUSICALI

VAI AL PERIODO RICORDI 1959-1963

VAI AL PERIODO SAAR 1964-1965

VAI AD INEDITE E POSTUME

Per visualizzare gli altri testi di Tenco, CLICCA su uno dei 3 periodi musicali evidenziati IN ARANCIONE tra Periodo Ricordi, Periodo Saar, inedite e postume.

Le "5 prove" dell'0micidio di Luigi Tenco

Il 5 Aprile 2008 Luigi Tenco 60's ha pubblicato 5 fortissimi elementi che dimostrano l'omicidio del cantautore Luigi Tenco.

Guardale

L'altroparlante - Una verità scomoda

Il 5 Novembre 2010 è uscita l'ultima canzone della Band L'altroparlante dal titolo "Una verità scomoda" dedicata alla discussa morte di Luigi Tenco.

ASCOLTALA